Home » Comunicati Stampa » Dopo il successo di "Baccus" ed "Euterpe", arriva la grande musica di "Dionisus"

Dopo il successo di "Baccus" ed "Euterpe", arriva la grande musica di "Dionisus"

Dopo il successo di "Baccus" ed "Euterpe", arriva la grande musica di "Dionisus" - Silvia Chiesa

Dopo lo straordinario successo di pubblico dei concerti "Baccus" ed "Euterpe", sta per iniziare la serie "Dionisus" del 12o Amiata Piano Festival. Da giovedì 25 a domenica 28 agosto, nel nuovo Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, GR) ci aspettano quattro imperdibili serate di grande musica, caratterizzate da originali programmi cameristici e sinfonici. In arrivo ospiti stellari: l'Orchestra da Camera di Mantova diretta da Corrado Rovaris, il pianista Gianluca Cascioli, gli attori francesi Francis Perrin ed Élisabeth Duda, il cornista Denis Simándy, il violinista Gautier Dooghe, il clarinettista Jean-Luc Votano e naturalmente il pianista Maurizio Baglini e la violoncellista Silvia Chiesa, rispettivamente direttore artistico e artista residente della rassegna. In più i giovani talenti dell'Istituto "Monteverdi" di Cremona coinvolti nel nuovo format Amiata Music Master. Come di consueto, le serate saranno allietate dalle degustazioni di vini della Cantina ColleMassari, offerte al pubblico insieme ad un assaggio di prodotti tipici del territorio.

 

Inaugurazione in grande stile giovedì 25 agosto con l’Orchestra da Camera di Mantova - compagine tra le più apprezzate sulla scena internazionale - autorevolmente diretta da Corrado Rovaris, fresco vincitore del Premio Abbiati della critica italiana. In programma tre capolavori amatissimi, quali i Concerti op. 129 per violoncello e op. 54 per pianoforte di Schumann – solisti Silvia Chiesa e Maurizio Baglini – e la Sinfonia n. 7 di Beethoven.

 

La serata di venerdì 26 vedrà l'atteso ritorno al festival di Gianluca Cascioli: pianista e compositore di fama internazionale, incide per Deutsche Grammophon e si è esibito nelle sale più importanti del mondo, con direttori come Abbado, Muti e Temirkanov. Per il pubblico del Forum Bertarelli Cascioli affronterà la più affascinante, ma anche la più ardua e complessa, delle Sonate di Beethoven: la n. 29 in si bemolle maggiore op. 106, conosciuta come "Hammerklavier". Il geniale pianista metterà in luce la sorprendente modernità di questo capolavoro beethoveniano attraverso un confronto con musiche scritte dopo il 1950 e appartenenti a diverse aree geografiche, di autori quali Kamran Ince, Lepo Sumera, Alberto Colla, Einojuhani Rautavaara. In programma anche la Sonata per violoncello e pianoforte op. 65 di Benjamin Britten, con la partecipazione di Silvia Chiesa e Maurizio Baglini, al violoncello e al pianoforte. 

 

Sabato 27 andrà in scena la terza serata del format Amiata Music Master: il progetto fortemente voluto da Baglini per sostenere i giovani talenti del concertismo. In questo caso i riflettori sono puntati sugli strumenti ad arco e sulla musica da camera. Solista di caratura internazionale - per lei hanno scritto autori quali Azio Corghi, Marco Betta, Matteo D'Amico e Ivan Fedele - la violoncellista Silvia Chiesa porterà con sé sul palco cinque tra i suoi migliori allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Monteverdi di Cremona, dove insegna musica da camera: le violiniste Lena Yokoyama e Veronica Giannotti, i violisti Daniele Valabrega e Maddalena Adamoli, e il violoncellista Andrea Nocerino. Insieme, maestro e allievi, eseguiranno i Sestetti per archi n. 1 op. 18 e n. 2 op. 36 di Brahms.

 

L’ultimo concerto estivo del festival, domenica 28 agosto, parlerà francese e avrà per protagonisti due stelle del cinema d'oltralpe - gli attori Francis Perrin ed Élisabeth Duda - con il cornista Denis Simándy, il violinista Gautier Dooghe e il clarinettista Jean-Luc Votano (e con la partecipazione dello stesso Baglini). In programma musiche di Stravinsky, Ligeti e Bartók, per una serata dalle raffinate atmosfere novecentesche (con sovratitoli in italiano per i non francofoni).

 

Fondato e diretto da Maurizio Baglini, Amiata Piano Festival è sostenuto dalla Fondazione Bertarelli. Il Forum Fondazione Bertarelli si trova a Poggi del Sasso (Cinigiano, GR) in una posizione panoramica unica, circondato dai vigneti e dagli uliveti della Cantina Collemassari di proprietà della famiglia Bertarelli – Tipa.

 

Biglietti: www.boxofficetoscana.it tickets@amiatapianofestival.com–Tel.: + 39 339 4420336

Info: www.amiatapianofestival.com